venerdì 13 aprile 2012

Biscotti al burro con mandorle e zenzero candito




Come recitano i detti...... ad aprile"di acqua ne ha un barile" ed è "dolce dormire" infatti...non manca nulla ;-)
Le temperature più  fresche mi hanno subito fatto venir voglia di biscottare e ieri,presa da un'attacco di iperattività,ho sperimentato(anche con qualche insuccesso) delle brioches,la pasta per la pizza con l'aiuto di Lazzarino ed in fine questi burrosissimi biscotti.
Li ho preparati inizialmente per utilizzare dello zenzero candito e della farina di riso che giacevano da un  po' nel mio cassetto delle meraviglie... risultato...un biscotto friabile molto piacevole,con la nota piccante dello zenzero che si addolcisce lentamente coccolato dal burro e dalla mandorla.



Biscotti al burro con mandorle e zenzero candito
 (ho preso spunto da una ricetta di "Biscotti"  Luxury Books modificandola a mio piacere)
    
                                                          250 g. di burro a temperatura ambiente (di ottima qualità)
                                                                                80 g. di zucchero semolato fine
                                                                        100 g. di zenzero candito fatto a pezzetti
                                                                        100 g. di mandole tritate grossolanamente
                                                                                        250 g. di farina"00"
                                                                                    90 g. di farina di riso
                                                                                      un pizzico di sale
                                                                          zucchero di canna per la superficie q.b.

Lavorare a  crema il burro con lo zucchero fino ad ottenere un composta chiaro e soffice,successivamente unire lo zenzero ridotto a piccoli cubetti e le mandorle tritate grossolanamente ed il pizzico di sale amalgamando il tutto con cura.
Setacciare le farine ed unirle poco alla volta al composto di burro.
Formare un panetto,avvolgerlo e farlo riposare un'ora in frigo dopo di che stenderlo  ad uno spessore di circa 1 cm. e ricavarne dei bastoncini.Cospargere di zucchero di canna la superficie ed infornare per 30/35 minuti a 180°(forno preriscaldato).
(Per verificarne la giusta cottura devono diventare leggermente dorati sul fondo).
Farli intiepidire sulla placca (altrimenti si rompono) e una volta freddi si possono conservare  in un contenitore ermetico per 2 giorni.                                            
                                                       


Non amo i canditi...ma per lo zenzero faccio un'eccezione  ;-)
Felice week end!!!



9 commenti:

  1. Che belle queste foto!! Io invece amo tutti i canditi e non meno quindi lo zenzero...Questi biscottini sono deliziosi!! Un bacione!

    RispondiElimina
  2. Che bei biscotti, vien voglia di assaggiarne qualcuno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lea sono pericolosamente buoni.Grazie

      Elimina
  3. Sono veramente invitanti.. con quei granelli di zucchero che li fanno persino brillare. E' bellissima quella foto :)
    Anche io mi sentivo iperattiva, peccato che il male alla schiena che mi flagella da tre giorni ha inficiato negativamente sulla mia pazienza e quindi sul risultato finale. Mi rifarò!
    A prestissimo
    Mari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi spiace per il tuo mal di schiena peccato non aver potuto sfogare il tuo momento...ma sono sicura che ti rifarai!!!
      Grazie!

      Elimina
  4. Mi fanno gola anche crudi, il ché è tutto un dire ;)
    Io i canditi li adoro sicchè!

    RispondiElimina
  5. mi piacciono davvero molto, gli ingredienti che li compongo fanno parte dei miei preferiti a cominciare dallo zenzero e alla farina di riso...bella idea per scacciare la tristezza di questo tempo pazzerello di aprile!!!
    buona domenica

    RispondiElimina

Apprezzo molto i vostri commenti mi piace sapere un vostro parere,non dimenticatevi di firmarvi pero' Grazie